Lady gelato

Continua il tema “dolci” e questa settimana ci ispireremo al “gelato“, golosissimo dolce estivo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La storia del gelato

In origine il gelato non era certamente quello che noi conosciamo. Nell’antichità, probabilmente, si refrigeravano frutta, latte e miele per farne cibo ghiacciato. Riferimenti a tale pratica si incontrano sia in testi antichi sia nelle cronache d’epoca più note.

Durante il Medioevo, in oriente, si scoprì il modo di congelare i succhi di frutta ponendoli in recipienti circondati da ghiaccio, modalità di preparazione questa che fu ben presto appresa anche in Sicilia, qui perfezionata e poi diffusa in tutta la penisola.

Il gelato in senso moderno fu un’invenzione tutta italiana. Alcuni storici, attribuiscono l’onore di aver ripreso e reso celebre il gelato nella metà del 1500 a Caterina de’ Medici e ad un certo Ruggeri, pollivendolo e cuoco a tempo perso che lo avrebbe preparato in occasione delle nozze della nobildonna.

Il gelato come “impresa” deve invece le sue origini a Francesco Procopio dei Coltelli di Aci Trezza, paese di pescatori a nord di Catania. Procopio utilizzò un’ invenzione del nonno Francesco, un pescatore che nei momenti di libertà si dedicava all’invenzione di una macchina per la produzione di gelato, la quale ne perfezionasse la qualità fino ad allora esistente.

Un giorno riuscì nel suo intento, ma ormai anziano decise di lasciarla in eredità al nipote. Procopio, tempo dopo, stanco della vita da pescatore prese la sua macchinetta e comincò a studiarla, fece diverse prove e alla fine decise di partire in cerca di avventura. Arrivò dopo tanti insuccessi, e successivi perfezionamenti fino a Parigi.

Scoprendo l’uso dello zucchero al posto del miele e il sale mischiato con il ghiaccio (eutettico) per farlo durare di più fece un salto di qualità e venne accolto dai parigini come geniale inventore: aprì nel 1686 un locale, il Cafè Procope.

Dopo poco, dato l’ enorme successo ottenuto, si spostò in una nuova e più grande sede (oggi in rue de l’ Ancienne Comédie), di fronte alla “Comédie Francaise”.

Quel “Cafè” offriva: “acque gelate”, (la granita), gelati di frutta, “fiori d anice”, “fiori di cannella”, “frangipane”, “gelato al succo di limone”, “gelato al succo d’arancio”, “sorbetto di fragola”, in una “patente reale” (una concessione) con cui Luigi XIV aveva dato a Procopio l’ esclusiva di quei dolci.

Diventò il più famoso punto d’ incontro francese e anche Voltaire, Napoleone, George Sand, Balzac, Victor Hugo frequentavano quel “Cafè”, ancora oggi uno dei vanti di Parigi.

Dunque la diffusione su scala “industriale” del gelato nel mondo partì dalla Sicilia. Nel 1750 c.ca , un nobile, Patrick Brydone, scozzese, scrivera: “L’ Etna fornisce neve e ghiaccio non solo a tutta la Sicilia, ma anche a Malta e a gran parte dell’ Italia, creando così un commercio molto considerevole“.

A prescindere dalla verità storica di questi fatti, l’origine italiana del gelato viene riconosciuta in gran parte del mondo (non è inusuale, nelle gelaterie estere, vedere indicazioni come “vero gelato italiano”).

Fonte quì

 

 

Di che gelato sei?

 

Spiegazioni:

vaniglia: tendi ad essere idealista, impulsivo, facilmente suggestionabile.
cioccolato: sei una persona vivace, affascinante, tendi a far risaltare il tuo lato seducente e provocante. Aspetti negativi: tendi ad essere troppo drammatico/a e credulone/a.

fragola: tendi ad essere una persona logica, riflessiva, tollerante, ma rischi di diventare troppo introverso/a
Menta: sei una persona prudente, spesso riesci ad accontentarti o a vivere bene con poco. Aspetti negativi: tendi a polemizzare e a voler sempre l’ultima parola
Stracciatella: sei una persona ambiziosa, visionaria (nel senso che sei proiettata verso il futuro), carismatica, che porta avanti i progetti con fiducia. Aspetti negativi: a volte il tuo spirito competitivo diventa troppo marcato.
Nocciola: sei una persona amorevole, solidale, di buon cuore e che preferisce evitare i riflettori. Aspetti negativi: quando la bontà non paga rischi di scoraggiarti troppo.
Caffe’: sei una persona coscienziosa, precisa, che da molta importanza alla rettitudine morale. Aspetti negativi: attenzione ai particolari può diventare perfezionismo maniacale.
Limone / Arancio: sei una persona analitica, che sa prendere decisioni in autonomia e ne sopporta le conseguenze. Aspetti negativi: a volte tendi ad essere pessimista.
Banana: sei il partner perfetto o il figlio ideale: hai doti di simpatia, gentilezza, affidabilità. Per alcune persone sei un modello da seguire. Aspetti negativi: anche i piccoli colpi di testa ti fanno paura, tendi ad essere molto conservatore/conservatrice.
Pistacchio: sei un personaggio talentuoso, unico, divertente, che si distingue dagli altri ma che trova conforto nella routine ed evita i cambiamenti. Aspetti negativi: individualista, intollerante, a volte tende a soffocare la tua spontaneità.
Croccantino: hai un fascino aristocratico, ti piacciono le cose fini ed eleganti, ami la vita sociale. Aspetti negativi: tendi ad abbatterti in caso di commenti negativi, hai bisogno di incoraggiamento nel perseguire i tuoi obiettivi.

 

 

Gif realizzata da Maeva
Precedente Mall autunnale per il boy + vecchio evento"regali autunnali". Successivo Solaio moderno